2 MARZO

LA STAMPA

Subito un piano di emergenza per i giovani
di Walter Passerini

"Un disastro annunciato, il cui ciclo negativo non è affatto concluso. Come racconta l’Istat, a gennaio su dicembre abbiamo perso 97 mila occupati e siamo cresciuti di 110 mila disoccupati. Quest’anno supereremo la soglia reale dei tre milioni di senza lavoro, con buona pace delle solerti vestali dei dati, che ci propongono 2.999.000 disoccupati, più per scrupoli psicologici, forse, che per rigore dei dati. Sembra una cifra da promozioni nei supermercati, ma qui nessuno ci guadagna, anzi, tutti ci perdiamo: over 50, donne, giovani. Questi ultimi sono a un passo dal 40% di disoccupazione (38,7%), ma già oltre il 50% nel Mezzogiorno, dove hanno raggiunto i loro coetanei spagnoli. Per non parlare dell’aumento del part-time, oggi a quattro milioni: per sei su dieci è involontario, nasconde la mancanza di alternative di impiego. Occorre una terapia d’urto immediata e una strategia di medio termine. Sbagliata e paralizzante la rassegnazione di coloro che attribuiscono la futura ripresa occupazionale all’economia mondiale. Sbagliata e nichilista la ricerca di capri espiatori che attribuisce le colpe di disoccupazione e precarietà alla riforma Fornero, andata in vigore solo sette mesi fa. Certo la riforma ha sconcertato il mercato e ha perso la scommessa con la ripresa: in una fase di recessione ha frenato la flessibilità, aumentandone i costi, e non ha creato stabilità. Gli stessi incentivi per l’assunzione di giovani e donne sono per ora un’arma spuntata e non ancora operativi, nella miglior tradizione della peggior burocrazia..."

Scarica la rassegna stampa a cura di Tullio Clementi:
2 marzo.pdf

Login
CGIL Valle Camonica Sebino Via Saletti, 14 - 25047 Darfo Boario Terme (Brescia) | Indirizzo e-mail | telefono 39 0364 543201 | fax 39 0364 537322
Codice Fiscale: 90000850173 |